Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 ottobre 2015 5 09 /10 /ottobre /2015 19:05

 

 

Toglietemi tutto, ma lasciatemi l'estasi


Toglietemi tutto, ma lasciatemi l'Estasi

Ed io sarò più ricca allora, di tutti i miei Simili.

È giusto ch'io viva così riccamente

Quando alla mia porta ci sono coloro che hanno di più,

In abietta povertà?

(Emily Dickinson)

 

 

 

Toilette

 

I giganteschi cipressi d'argento

attendono in circolo sul prato.

fra i loro tronchi d'ebano istoriato

pendono distesi

tanti lenzuoli bianchi di bucato.

Intrepida riflette nell'attesa

l'acqua grigia della vasca.

Ecco: tra i veli della mattina nebulosa

il sole che s'affaccia insonnolito

pare una luna rosa.

(Aldo Palazzeschi)

 

 

 

Poesie d'autore

Timidezza

 

Appena seppi, solamente, che esistevo

e che avrei potuto essere, continuare,

ebbi paura di ciò, della vita,

desiderai che non mi vedessero,

che non si conoscesse la mia esistenza.

Divenni magro, pallido, assente,

non volli parlare perché non potessero

riconoscere la mia voce, non volli vedere

perché non mi vedessero,

camminando, mi strinsi contro il muro

come un’ombra che scivoli via.

Mi sarei vestito

di tegole rosse, di fumo,

per restare lì, ma invisibile,

essere presente in tutto, ma lungi,

conservare la mia identità oscura,

legata al ritmo della primavera.

(Pablo Neruda)

 

 

Poesie d'autore

 

Carrettiere


O carrettiere che dai neri monti

vieni tranquillo, e fosti nella notte

sotto ardue rupi, sopra aerei ponti;


che mai diceva il querulo aquilone

che muggìa tra le forre e tra le grotte?

Ma tu dormivi, sopra il tuo carbone.


A mano a mano lungo lo stradale

venìa fischiando un soffio di procella:

ma tu sognavi ch'era di natale;

udivi i suoni d'una cennamella.

(Giovanni Pascoli)

 

 

 

 

La voce della pioggia

 

E tu chi sei? chiesi alla pioggia che scendeva dolce,

e che, strano a dirsi, mi rispose, come traduco di seguito

:sono il Poema della Terra, disse la voce della pioggia,

eterna mi sollevo impalpabile su dalla terraferma e dal mare insondabile,

su verso il cielo, da dove, in forma labile,

totalmente cambiata, eppure la stessa,

discendo a bagnare i terreni aridi, scheletrici,

le distese di polvere del mondo,

e ciò che in essi senza di me sarebbe solo seme, latente, non nato;

e sempre, di giorno e di notte, restituisco vita alla mia stessa origine,

la faccio pura, la abbellisco;

(perché il canto, emerso dal suo luogo natale,

dopo il compimento, l'errare,

sia che di esso importi o no,

debitamente ritorna con amore.)

(Walt Whitman)

 

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti