Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
16 giugno 2016 4 16 /06 /giugno /2016 13:09

Chi non vuole far sapere qualcosa in fondo non deve confidarla neanche a se

stesso, non si deve mai lasciare tracce.


Giulio Andreotti in "Il Divo"

 

 

I giorni son sempre più brevi

le piogge cominceranno.

La mia porta, spalancata, ti ha atteso.

Perché hai tardato tanto?

Sul mio tavolo, dei peperoni verdi, del sale, del pane.

Il vino che avevo conservato nella brocca

l’ho bevuto a metà, da solo, aspettando.

Perché hai tardato tanto?

Ma ecco sui rami, maturi, profondi

dei frutti carichi di miele.

Stavano per cadere senz’essere colti

se tu avessi tardato ancora un poco.

 

                                     Nazim Hikmet 

 

 

 

.

Lacrime di venerazione

tingono le foglie

rosse che cadono.

 

Bashō Matsuo

 

 

 

 

 

Francesco Gioli - Le boscaiole di San Rossore, 1887 Olio su tela

.

Francesco Gioli - Boscaiole di San Rossore (Fascinale)

.

Francesco Gioli - Le boscaiole di San Rossore, 1887

 

Francesco Gioli, (San Frediano a Settimo, 1846 - Firenze 1922) è stato un pittore

italiano della corrente artistica  dei Macchioli. Nella sua ricca  produzione  un fi-

lone interessante è rappresentato dagli studi dal vero, scene dai  soggetti  agresti,

soprattutto paesaggi ed animali, legati al contesto maremmano.

Oltre a rappresentare la pittura macchiaola, Grancesco Gioli è anche un esponente

italiano dell'impressionismo. 

 

 

 

Con quanti battiti del cuore

riuscirò oggi a guardarti,

se ogni volta me li rubi.

 

 

 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti