Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 giugno 2016 7 05 /06 /giugno /2016 14:34
Quante lacrime nel mondo!

Invisibili bambini

 

Svanisce la tenera età

nei visi dei bambini iracheni

spauriti in una città

sommersa dalle macerie.

 

Sotto bagliori intermittenti,

imprigionati da fame e da paura

non possono scappare…

 

Nella visibile Bagdad

invisibile pace

invisibili bambini.

 

Fabio Grimaldi

 

Quante lacrime nel mondo!

 

Quante lacrime nel mondo! 

 

 

Quante lacrime nel mondo!

Clandestini 

 

Lasciano la propria casa

una notte qualunque

attraversano il mare

 

bambini, donne, uomini

ammassati su barconi infernali

anime mute

a fiutare la paura

la meta da raggiungere

 

attraversano il mare

spiati dalla morte

in una notte di domande e silenzi.

 

Fabio Grimaldi

 

 

 

A te che eri, la cosa più cara che ho avuto nella vita

 

 

 

Quante lacrime nel mondo!

 

Buenos Aires

 

Il bastimento avanza lentamente

Nel grigio del mattino tra la nebbia

Sull'acqua gialla d'un mare fluviale

Appare la città grigia e velata.

Si entra in un porto strano. Gli emigranti

Impazzano e inferocian accalcandosi

Nell'aspra ebbrezza d'imminente lotta.

Da un gruppo d'italiani ch'è vestito

In un modo ridicolo alla moda

Bonearense si gettano arance

Ai paesani stralunati e urlanti.

Un ragazzo dal porto leggerissimo

Prole di libertà, pronto allo slancio

Li guarda colle mani nella fascia

Variopinta ed accenna ad un saluto.

Ma ringhiano feroci gli italiani."

 

Dino Campana

 

 

 

Quante lacrime nel mondo!

.

 

Sei voci

 

Non fu il mare a raccoglierci
Noi raccogliemmo il mare a braccia aperte.

Calati da altopiani incendiati da guerre e non dal sole,
traversammo i deserti del Tropico del Cancro.

Quando fu in vista il mare da un’altura
Era linea d’arrivo, abbraccio di onde ai piedi.

Era finita l’Africa suola di formiche,
le carovane imparano da loro a calpestare.

Sotto sferza di polvere in colonna
Solo il primo ha l’obbligo di sollevare gli occhi.

Gli altri seguono il tallone che precede,
il viaggio a piedi è una pista di schiene.

 

Erri De Luca

 

 

 

Quante lacrime nel mondo!

.

 

 

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti