Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 gennaio 2017 7 22 /01 /gennaio /2017 15:00

 

Gli dei lanciano i dadi, ma non domandano se vogliamo partecipare al gioco.

Non vogliono sapere se hai lasciato un uomo, una casa, un lavoro, una carriera, un sogno.

Gli dei non badano al fatto che tu puoi avere una vita in cui ogni cosa sia al proprio posto, in cui ogni desiderio si possa esaudire con il lavoro e la pertinacia.

Gli dei non tengono conto dei nostri piani e delle nostre speranze.

In qualche luogo dell'universo, loro lanciano i dadi e, casualmente, vieni scelto tu.

Da quel momento in poi, vincere o perdere è solo questione di opportunità.

Gli dei lanciano i dadi e liberano l'amore dalla sua gabbia.

Questa forza può creare o distruggere, a seconda dalla direzione in cui soffiava il vento si è liberata dalla prigione.

L'amore può condurci all'inferno o in paradiso, comunque ci porta sempre in qualche luogo.

E' necessario accettarlo, perchè esso è ciò che alimenta la nostra esistenza.

Se non lo accettiamo, moriremo di fame pur vedendo i rami dell'albero della vita carichi di frutti: non avremo il coraggio di tendere la mano e di coglierli.

E' necessario ricercare l'amore là dove si trova, anche se ciò potrebbe significare ore, giorni, settimane di delusione e di tristezza.

Perchè nel momento in cui partiamo in cerca dell'amore, anche l'amore muove per venirci incontro. E ci salva. E nell'amore non esistono regole.

Possiamo tentare di seguire dei manovali, di controllare il cuore, di avere una strategia di comportamento.

Ma sono tutte cose insignificanti. decide il cuore.

E quando decide è ciò che conta._______ Paulo Coelho

 

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Etta
scrivi un commento

commenti

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                                  
 

Risultati immagini per il mio cuore, poesia, cammina lentamente, lenta come l'erica dell

 
 
 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Testo Libero

Testo Libero