Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 febbraio 2017 3 22 /02 /febbraio /2017 13:29

LA BELLA STAGIONE


A digiuno sperduta assiderata
Tutta sola senza un soldo
Ferma in piedi una ragazza
Età sedici anni
In Place de la Concorde
Il quindici agosto a mezzogiorno._____
Jacques Prévert 

 

 

Poesie di Jacques Prévert
FIESTA

 E i bicchieri erano vuoti 
e la bottiglia in pezzi 
E il letto spalancato 
e la porta sprangata 
E tutte le stelle di vetro 
della bellezza e della gioia 
risplendevano nella polvere 
della camera spazzata male 
Ed io ubriaco morto 
ero un fuoco di gioia 
e tu ubriaca viva 
nuda nelle mie braccia.______ Jacques Prévert

 

 

  ______________________________

 

I RAGAZZI CHE SI AMANO


I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è soltanto la loro ombra
Che trema nel buio
Suscitando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo
i loro risolini la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Loro sono altrove ben più lontano della notte
Ben più in alto del sole
nell'abbagliante splendore del loro primo amore._____
Jacques Prévert 

 

                                        ______________________________

 

 

 

PRIMO GIORNO

Lenzuola bianche in un armadio
Lenzuola rosse in un letto
Un figlio in una madre
La madre nei dolori
Il padre davanti alla stanza
La stanza nella casa
La casa nella città
La città nella notte
La morte in un grido
E il figlio nella vita.______
Jacques Prévert 

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Etta
scrivi un commento

commenti

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                                  
 

Risultati immagini per il mio cuore, poesia, cammina lentamente, lenta come l'erica dell

 
 
 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Testo Libero

Testo Libero