Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 luglio 2019 6 06 /07 /luglio /2019 12:26

 

 

Papusza

 

 

la più grande poetessa zingara polacca.

 

 

Zingarella povera, giovane

bella come un mirtillo,

denti bianchi come perle,

occhi brillanti come l’oro vero.

Gli orecchini fatti di foglie, eccoli

Come oro genuino son belli.

 

 

 

 

 

 

Non sono una poetessa, sono solo una zingara

del bosco, che vive di natura...Sono

felice quando

sento cantare le ruote, quando sento

la pioggia

che batte sul carro...questa è la mia

musica a volte

le parole stesse lo diventano.

 

 

Papusza

 

 

 

 

                                                                                          

Canzone

 

Tra molti anni,

o forse non molti, prima,

le tue mani il mio canto ritroveranno.

Quando è nato?

Di giorno, o nel sonno?

E ricorderai, e mi penserai –

è stata una favola,

o era tutto vero?

E i miei canti

e tutto il resto

dimenticherai.

 

 

“Il mio patrigno era un ubriacone e un giocatore d’azzardo, mentre mia madre non sapeva cosa significasse leggere o scrivere nè cosa una bambina dovesse imparare. E allora come ho imparato? Chiedendo ai bambini che andavano a scuola di mostrarmi come scrivere le lettere. Rubavo sempre qualcosa e gliela portavo così poi loro mi insegnavano in cambio. Ed è così che ho imparato le lettere a, b, c, d e così via.”       Papusza

 

 

Guardo qui, guardo là

 

Guardo qui, guardo là –

tutto ondeggia! Il mondo ride!

Un mare di stelle di notte!

Ciarlano, ammiccano, brillano.

 

Le stelle! Chi le comprende

di notte non vuole prender sonno,

osserva la chiara Via Lattea,

sa che è una via felice,

che chiama verso luoghi buoni.

 

Guardo qui, guardo là –

la luna si lava nelle calde acque,

come giovane Zingarella

nel ruscello del bosco.

Che sta mai succedendo?

Tutto ondeggia.

Il mondo ride.

 

 

 

 

Lacrime di sangue

 

 Nel bosco. Niente acqua, né fuoco. Grande la fame.

 Dove avrebbero potuto dormire i bimbi? Non c’era tenda.

 Non avremmo potuto accendere il fuoco la notte.

 Di giorno, il fumo avrebbe avvisato i tedeschi.

 Come vivere con dei bimbi nel freddo dell’inverno?

Tutti sono scalzi…

Quando decisero di ucciderci per prima cosa ci costrinsero ai lavori

forzati.

 

 Un tedesco venne a trovarci:

 Ho cattive notizie per voi. Vogliono uccidervi stanotte.

 Non ditelo a nessuno. Sono anch’io uno scuro zingaro,

 del vostro sangue – dico la verità.

 Dio vi aiuti nella nera foresta.

 Dette queste parole ci abbracciò tutti…

 

 Niente cibo per due tre giorni.

 Tutti a dormire affamati.

 Non riuscendo a dormire fissavano le stelle.

 Dio, quanto è bello vivere!

 I tedeschi non ce lo permetteranno.

 

 Ah, tu, mia piccola stella! All’alba tu sei grande!

 Abbaglia i tedeschi! Confondili,

 portali fuori strada

 così i bambini ebrei e zingari potranno vivere!

 

 Quando arriverà il grande inverno,

 cosa farà la zingara con il suo bimbetto?

 Dove troverà dei vestiti? Sono tutti diventati stracci.

 Uno vuole morire.

 Nessuno sa, solo il cielo, solo il fiume ascolta il nostro lamento.

 

 Gli occhi di chi ci videro come nemici?

 La bocca di chi ci maledisse?

 Non ascoltarli, Dio

 Ascolta noi!

 

 Giunse una notte fredda, le vecchie zingare cantarono

 una fiaba zingara: verrà un biondo inverno

 neve, come piccole stelle, coprirà la terra e le mani.

 Gli occhi neri geleranno i cuori moriranno.

 

 Tanta neve cadde che coprì la strada.

 Avresti potuto vedere solo la Via Lattea nel cielo.

 

 In questa notta gelida una piccola figlia muore,

 e in quattro giorni le madri seppelliscono nella neve

 quattro piccoli figli.

 Sole, senza di te guarda che piccolo zingaro sta morendo di freddo

 nella grande foresta.

 

 Una volta, a casa, la luna restava nella finestra,

 non mi lasciava dormire. Qualcuno guardò dentro.

 Chiesi – chi è?

 – Apri la porta, mia bruna zingara.

 Vidi una bella ragazza ebrea,

 che tremava di freddo e cercava da mangiare.

 Povera creatura, piccola mia.

 Le ho dato del pane, quello che avevo, una camicia.

 Dimenticammo entrambe che non lontano c’era la polizia.

 Ma non vennero quella notte.

 

Tutti gli uccelli stanno pregando per i nostri bimbi,

così la gente cattiva, le vipere, non li uccideranno.

Ah, destino! Sventurata ventura

 

 La neve cadde fitta come foglie, ci sbarrò la strada,

 una neve così pesante seppellì le ruote dei carri.

 Qualcuno dovette battere a piedi una pista,

 spingere i carri dietro i cavalli.

 

 Quanta miseria e fame!

 Quanti affanni, quante strade!

 Quante pietre aguzze hanno ferito i nostri piedi!

 Quanti proiettili hanno sfiorato le nostre orecchie!

 

 

"Lacrime di sangue”, la poesia più famosa di Papusza, descrive ciò che ha subito il suo popolo per mano dei soldati tedeschi a Volyn nel 1943 e 1944. Racconta dei mesi difficili durante i quali i Rom si nascosero nei boschi per sfuggire alla persecuzione dei soldati nazisti. Come tutte le poesie di Papusza, anche questa ha un carattere autobiografico.

 

 

 

 

Bronisława Wajs – detta Papusza, poetessa dimenticata, incompresa e sconosciuta, è stata riscoperta nel 2013 grazie alla pubblicazione della sua storia scritta dalla giornalista Angelika Kuźniak e intitolata Papusza. In più il film scritto e diretto da Joanna Kos-Krauze e di Krzysztof Krauze “Papusza” ha fatto riscoprire l’eccezionalità di quest’artista così insolita.

 

 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti