Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
24 novembre 2021 3 24 /11 /novembre /2021 20:53

 

 

DIARIO DI UNA DIVERSA

 

 

Alda Merini

 

 

 

Mia madre guardandomi diceva:

Hai dei fianchi ben piantati. Sarai

una buona terra.

Una buona terra, già. Una buona terra

da fecondare. Ma avevo anche

uno spirito e forse di questo mia

madre non si accorse. Io  ero delicata,

schiva  e quel mio corpo prosperoso 

mi dava fastidio.  Mi appartavo

chiedendomi  se la mia poesia fosse

uguale al mio corpo e il mio corpo

uguale alla mia poesia. Volevo essere

diafana, dolce e stinta.

Forse la trappola cominciò lì.

 

 

 

 

Era un corpo chiaro, asfittico, immemore. Un corpo che non aveva paura. Transitava sulle rive del Naviglio, solo, corvino, con l’aria celere di chi vuole nascondere una grossa nudità interiore o una grossa gobba di maleficio. Questo corpo non aveva un’anima, ricordava vagamente di averla perduta laggiù, di aver equivocato. Un terribile buco nella memoria lo costringeva a passeggiare lungo il Naviglio in preda al panico più assurdo Era un corpo fatto di anima. […] A volte emetteva nitriti di belva, o di puledro chiuso in un’orribile stalla. […] Ma il corpo sognava, e più sognava e più si rarefaceva. A volte parlava anche uno strano, grigio esperanto, mescolando assurdamente dialetti settentrionali e ritmi danteschi. Un giorno il corpo morì, schiacciato da una carrozza fine ottocento sbucata dalle pagine di un libro. […] La più bella [bambina], che sembrava una fata, disse: “Tanto non serviva a nulla.” Ma improvvisamente dal cielo scese un angelo, guardò il corpo con un sorriso, lo raccolse e se lo mise nel seno, dicendo poi ai ragazzi che il corpo non era destinato a quegli ignobili marciapiedi, aveva una casa, un recapito, perché quel corpo, vedete, era atteso da un Amore.

 

 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti