Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
7 giugno 2011 2 07 /06 /giugno /2011 14:18

 

 

   Seraphine, la più grande pittrice Naif 

 

                                                      The_Way_Home_gve3-v-1--1-.jpg

imagesCAW3VI6T[1]

naif009-1--1--copia-1.jpg

imagesCAARCNG3[1]

 

Chi è Seraphine? O meglio chi era? Era una donna molto umile.

Lavava i pavimenti,  le lenzuola, stirava e cucinava nelle case dei signori.

Ma aveva un segreto: dipingeva.

Nessuno glielo aveva mai insegnato. Si fabbricava i colori con erbe, terra ,

sangue di bue e olio di candele.

 

Ma la cosa che me l'ha resa più simpatica è vederla percorrere la bellissima

campagna francese, carica del suo pesante cesto, con passo un po' goffo,

arrampicarsi inaspettativamente su un albero e, semplicemente contenta,

godersi la pace, che solo un momento così può  dare all'animo.

E' chiaro che un soggetto del genere non può che disturbare l'ordine delle cose,

andrà a finire così i suoi giorni in un manicomio.

Seraphine non è un personaggio inventato è realmente esistita, si chiamava

Seraphine Louis ed è conosciuta come Seraphine de Senlis, una meravigliosa

pittrice naif che dipingeva fiori.

Vissuta nei primi del '900 è diventata artista grazie a Wilhelm Uhde.

Sul suo epitaffio avrebbe voluto essere scritto "Qui riposa Seraphine Louis, che

non ha rivali, aspettando la sua felice Resurrezione "invece fu sepolta in una

fossa comune come Mozart.

 

     

 

            

Condividi post

Repost 0
Published by Etta - in Arte
scrivi un commento

commenti

boba 06/07/2011 19:29


bel sito continuate cosi


Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                                  
 

Risultati immagini per il mio cuore, poesia, cammina lentamente, lenta come l'erica dell

 
 
 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Testo Libero

Testo Libero