Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
14 settembre 2011 3 14 /09 /settembre /2011 19:30

 

 El brianzoeu

 

 

 

imagesCA93NJKF.jpg

 

 

Una sira ne l'usteria pussèe frequentada del paes un brianzoeu el ciama tuùcc

i amis inturna per cuntà su la grand avventura che gh'è capitada a Milan, la

prima volta che el ghe andava in de per lù.

Tucc ghe se pressen de turna e insci cumincia la storia .

" Sun smuntàa dal treno a Milan a la staziun central; non ve stu a di quanto l'è

granda perchè in paes s'hin vedùu i cartulin; a me sun trovàa foeura sul piazal

che l'è tant come des volt e pù el noster sagràa, cunt un muviment de gent che

chi se ved a la festa del paes .

Per tèra in mezz a la srada gh'eren i binari come quij del treno, ma però eren

incassàa nel paviment;sui binari camminaven vagunin numeràa che se ciammen

tram e che se fermaven  a una palina dove gh'era scrivùu "Fermata" e sotta una

tabella cunt  i  numer dei vari linii e cunt la descriziun dei percurs principal.

S'era lì a vardà quist percurs per truvà l' indicaziun che me interessava quand

da vun de' sti tram gh'è smuntàa giò un tocch de tusa cunt un faccin d' angel,

i cavèj  biund, i  labber russ e carnus, dò tettin che s'ciuppaven foeura dal

cursètt, una  suttana  aderenta  che  la  lassava   ben   intend  che  razza   de

curvadura gh'era sotta e dò gamb che eren la fin del mund .

Mi me sunt  sentùu  s'giguttà hi oeucc, me sunt sentùu mancàa el  fiàa; quand

la m'è passada a rent sunt stàa bun dumà de digh: "Buongiorno" - "Bonjour" 

la m'ha respundùu lèe.

Da l'accent hùu capii subet che l'era straniera e gh'hoo fa un bel surris,cavand

nel stess temp el cappell; ma non trovavi alter paroll. Lèe l'ha de avè avùu la

perceziun del mè imbarazz e fasend segn al saccucin de la giacca m'ha ditt

"Plaisir, le crejon"

Per fortuna che un mè amis el faseva el camerèe in Francia el me aveva fàa

imprend che "crejon" a l'è el lapis. Hoo cavàa foeura quel dal saccucin, ghe lu

slungàa e lèe in un segund sù un buccunin de carta l'ha disegnàa una buttilja

cunt dùu biccer sura un tavulin.

Non foo per vantamm, ma hoo capìi subet; l'hoo menada a bef l'aperitiv.Intant 

che bevevi ghe surridevi e lèe la me ricambiava; dopo un poo la m'ha cercàa

ancamò el "crejon" e sul de drèe del scuntrin de la cassa l'ha disegnà ancamò

un tavulin, tund, sott tund, furcelina, curtel, cuggiàa, buttiljia e biccer e mantin.

Benchè gh'avevi in ment l' impegn per el qual s'era vegnùu a Milan, de frunt

a  una grazia  del gener  non  sunt stàa  bun  di  de  nò e insci' semm andàa al

restaorant.

L'è stàa propi un disnàa coj fiocc, cunt la turta e caffè.

Quand ch'hoo pagàa el cunt la bella straniera l'ha vursù ancamò el "crejon" e

de drèe del cunt stess l'ha disegnàa un omm e una donna a mètà bust che se

basaven;  col  penser hoo mandàa  a  munt  i  mè impegn e l' hoo menada al

cinematografo .

Settàa  vesin  a  lèe,  sentivi el  sò profum, ghe carezzavi i man e anca lèe me

carezzava i mè e  denter de mi me deslengoavi  tutt.

Foeura  del  cinema sèmm andàa a  bev el tè, settàa  a  un tavulin d'un caffè

sbarlusent de specc, servì da camerèe in marsina ; poeu un bel mument la

me cerca ancamò el "crejon"

Sul mantin  de  carta  in  quatter  e  quatter  vott  la m'ha  disegnàa  un  lett

matrimunial  in still Maria Teresa, un armoar a ses ant, dò pultron, una toelètt

cunt el sò sgabellin!

Me sunt sentùu  tuccàa  nel  prufund  del coeur, l'hoo  verdada  e  le  la  m'ha

surridùu cun quel sorris  d'angiul  che non basten paroll per dinn  la dolcezza;

avariss  vursùu vusà de la cuntentezza .

Anca adèss in'sto moment mi me dumandi come l'ha  fàa , la prima volta che

la me vedeva, la prima volta che mi' andavi a Milan, a capiin che mi a sunt un

mubilièe? "

       

 

Il brianzolo

 

Una sera nell'osteria più frequentata del paese un brianzolo chiama tutti i

suoi amici intorno per raccontare la grande avventura che gli è capitata a

Milano, la prima volta che andava solo.

Tutti gli si pressano attorno e così comincia  la storia.

" Sono sceso dal treno a Milano alla stazione centrale; non vi stò a dire

quantè grande perchè in paese si sono viste le cartoline; mi sono trovato

fuori sul piazzale che è tanto come dieci volte e più il nostro sagrato, con

un movimento di gente che qui si vede alla festa del paese.

Per  terra  in mezzo  alla strada  c'erano i  binari come  quelli  del treno, ma

però erano incassati nel  pavimento;  sui binari  camminavano vagoncini

numerati che si chiamano tram e che si fermavano a una  palo dove c'era

scritto "Fermata"e sotto a una tabella con i numeri delle varie linee e con la

descrizione dei percorsi principali.

Ero lì a guardare questi percorsi per trovare l'indicazione che mi interessava

quando da uno di questi tram è scesa un pezzo  di  ragazza con  un  faccino

d'angelo,i capelli biondi,le labbra rosse e carnose,due tettine che scoppiavano

fuori dal corsetto, una sottana aderente che lasciava ben intendere che razza

di curvatura c'era sotto e due gambe che erano la fine del mondo.

Mi sono sentito agitare gli occhi, mi sono sentito mancare il fiato,quando mi 

è passata vicino sono stato capace di dirle solo "buongiorno"- "bonjour" mi

ha risposto lei.

Dall'accento ho capito subito che era straniera e le ho fatto un bel sorriso

togliendo nello stesso tempo il cappello; ma non trovavo altre parole.

Lei deve avere avuto la percezione  del mio  imbarazzo e  facendo segno al

taschino della mia giacca mi ha detto "Prego , le crejon" .

Per fortuna che un mio amico che faceva il cameriere in Francia mi aveva

insegnato  che il "crejon" era la  matita; l'ho  tolta  fuori  dal  taschino l'ho

allungata a lei, in un secondo su un pezzetto di carta ha disegnato una

bottiglia con due bicchieri sopra un tavolino.

Non faccio per vantarmi, ma ho capito subito; l'ho portata a bere l'aperitivo.

Intanto che bevevo le sorridevo e lei mi ricambiava;dopo un po' mi ha

chiesto ancora il "el crejon"e sul dietro dello scontrino ha disegnato ancora

un tavolino, un piatto, un sottopiatto, una forchetta, un cucchiaio, una bottiglia,

e un bicchiere e un tovagliolo.

Benchè avessi in mente l'impegno per il quale ero venuto a Milano, di fronte

a una grazia del generenon sono stato capace di dire no e così siamo andati

al ristorante.

E' stato proprio un pranzo coi fiocchi , con la torta e il caffè.

Quando ho pagato il conto la bella straniera ha voluto ancora "el crejon" e

dietro del conto stesso ha disegnato un uomo e una donna a metà busto che

si  baciavano; col pensiero ho mandato a monte i miei impegni e l'ho portata

al cinematografo.

Seduto vicino a lei, sentivo il suo profumo, le accarezzavo le mani e anche lei

accarezzava le mie e dentro io mi scioglievo tutto.

Fuori dal cinema siamo andati a bere il tè, seduti  a  un  tavolino  d'un  caffè

luccicante di specchi, serviti da un cameriere in marsina; poi un bel momento

mi ha cercato ancora "el crejon" .

Sul  tovagliolo di  carta, in quattro e quattro-otto, mi ha disegnato  un  letto

matrimoniale in stile Maria Teresa, un armadio  a  sei ante, due poltrone,  un

comò, una toelette con il suo sgabellino.

Mi sono sentito toccare nel profondo del cuore, l'ho guardata e lei mi ha sorriso

con quel suo sorriso d' angelo che non bastano parole  per dirne la dolcezza;

avrei voluto gridare per la contentezza.  

Ancora, in questo momento, io mi domando come ha  fatto, la prima volta che mi

vedeva, la prima volta che andavo a Milano, a capire che io sono un mobiliere?" 

Condividi post
Repost0
26 luglio 2011 2 26 /07 /luglio /2011 07:14

 

 

Correre...correre...correre.

 

Chi si ferma è  perduto
diceva qualcuno.
E chi si ferma
... si perde.
Si perde nel traffico caotico delle città
nel caos delle metropolitane
negli spintoni sui tram
del solito tran-tran.
Vorrei perdermi come ieri
nei tuoi occhi neri.
Vorrei perdermi nel sognare
che tutti i domani
saranno  come ieri.
Poi, mi vorrei fermare
in silenzio ad osservare ... pensare ... fantasticare
e questa frenetica vita dimenticare ...

 

 

 

Condividi post
Repost0
4 luglio 2011 1 04 /07 /luglio /2011 21:47

 

 

Antonio Rubino

la nascita del fumetto

in italia

 

http://www.info-sanremo.com/images/rubino-antonio-2.jpg

 

http://www.balnea.net/images/gallerie/2849_2.jpg

 

 

http://nova100.typepad.com/.a/6a00d8341c684553ef0120a8cd4204970b-pi

 

 

 pierlambicchi2-1-.jpg

 

 

 http://www.littlenemoasta.it/asta/images_grandi/12.jpg

 

 

 

      http://nova100.typepad.com/photos/uncategorized/2007/12/05/fine_rubinopierino.jpg

 

http://nova100.typepad.com/photos/uncategorized/2007/12/05/blog_rubinopierino.jpg

 

 

Antonio Rubino- pittore, illustratore e scrittore ( Sanremo 1880 )

Legato all' ART NOVEAU rinnovo' l'illustrazione e la letteratura

per l'infanzia in Italia, immetendovi una nuova carica di fantasia.  

Fu tra i fondatori del  " Corriere dei Piccoli " ( 1909 ) per il

quale disegno' la testata e molti bizzarri personaggi ,concepiti e

disegnati come fantocci , che si muovono con un'adorabile 

goffaggine  rivelando un carattere tutto fiabesco.

Nel 1927 passa al "Balilla"disegnando le favole di "Esopo" due

anni dopo fonda e dirige "Mondo Bambino" e nel 1931 inizia

una lunga collaborazione con la Mondadori assumendo la

direzione di "Topolino"

In seguito si dedica all'animazione e alla pittura.

Nel 1955 riprende a collaborare al " Corriere dei Piccoli", ma il

suo affascinante e personalissimo stile liberty non incontra piu'

il favore del pubblico e nel 1959 si ritira definitivamente.

Antonio Rubino muore a Baiardo (Imperia) il primo luglio 1964.

 

  http://guardareleggere.files.wordpress.com/2010/03/cdp-rubino-1911.jpg 

 

 http://www.ecodellariviera.it/wp-content/uploads/2010/03/GAZZETTONE02A.jpg    

 

 

 

 

 

 

Condividi post
Repost0
29 giugno 2011 3 29 /06 /giugno /2011 20:08

 

     

RECITA

 

Il lavoro trasforma la terra

 

 

  Sfondo--47--1-blu.jpg

 

 

  • Narratore - Nei primi anni della Repubblica, si racconta, viveva in
  • Roma  un agricoltore , padrone di un campicello, alle porte della
  • citta' .I vicini lo invidiavano e, qualche volta , parlavano di lui con
  • malignita'.
  • 1°contadino - Un campicello miracoloso , dicono...Ogni anno da'
  • buon raccolto.
  • 2° Contadino - Altro che miracoloso , amico mio , qui c'e' sotto
  • qualcosa.La pioggia scroscia , le nostre terre si allagano e il campo
  • di Savino resta all' asciutto...
  • 1° Contadino- Viene la siccita' brucia tutto , e il campo di Savino e'
  • verde e rigoglioso come a marzo .
  • 2° Contadino - E i raccolti ? Pianta uno e raccogle due. Sempre cosi'
  • sia grano , sia orzo e avena.
  • 1° Contadino - E il frutteto non lo conti ? Alberi sempre colmi di
  • frutti , mele grosse cosi' , bianche e rosse .
  • 2° Contadino - Qui c'e' sotto qualcosa , arti magiche , te lo dico io.
  • 1° Contadino - Bravo, e' quel che ho sempre pensato : il vecchio la
  • faccia di stregone ce l'ha.
  • 2° Contadino - E quella sua figlia spilungona che sta sempre per i
  • campi... Canta certe nenie tutto il giorno , china sulla zappa.
  • 1°Contadino - Brutta faccenda. E il bello e' che non si accontentano
  • di far prosperare le loro biade , io temo...
  • 2° Contadino - Mi hai tolto la parola di bocca. Quelli hanno messo il
  • malocchio nei nostri campi : ecco perche' annata dopo annata , le
  • cose vanno di male in peggio.
  • 1° Contadino - E noi ce ne stiamo qui con le mani in mano...
  • 2° Contadino - Ah, no! Questa storia deve finire e presto. Se te lo
  • senti di venire con me dal giudice trascineremo in tribunale padre
  • e figlia.
  • 1° Contadino - Certo che me la sento. Andiamo ...
  • Narratore _ Di li a qualche giorno, Savino e sua figlia furono    
  • chiamati in giudizio dal magistrato, incolpati di arti magiche in danno
  • dei vicini.
  • 1° Contadino - Guarda la' se ne vanno al Foro sul carro trainato dai
  • buoi.
  • 2° Contadino - Come se andassero alla festa...
  • 1° Contadino - E si portano appresso l' aratro e vanghe e zappe e
  • tridenti.
  • 2° Contadino - Mah...forse il vecchio e' sicuro della condanna e gia'
  • pensa a sloggiare.
  • 1° Contadino - Staremo a vedere ...
  • Narratore - Quando il magistrato lesse l ' accusa Savino e la figlia se
  • ne stettero fermi e zitti senza badare ai commenti della folla di
  • curiosi che gremiva il Foro.
  • Magistrato - Savino ora conosci le accuse: puoi parlare in tua discolpa ?
  • Sii breve e preciso.!
  • Savino - Voi mi accusate di stregoneria , voi dite che il mio campo
  • prospera per le mie arti magiche...
  • Ebbene non tentero' di difendermi , o Romani , anzi vi svelero' un
  • segreto : ecco queste mie braccia forti che mai si stancano , ecco
  • queste mie mani callose che quando afferrano la zappa par non
  • vogliano piu' abbandonarla... Ed ecco mia figlia che dall ' alba al 
  • tramonto mi sta al fianco nei campi ed ecco i miei buoi , i piu' forti i
  • piu' ben curati... ecco i miei strumenti, zappe, vanghe, picche, sempre
  • risplendenti , sempre in moto. Romani io esercito la magia del lavoro. 
  • Orsu' magistrati riconoscete la mia colpa e punitemi come prescrivono
  • le leggi.
  • Narratore - Dalla folla si alzo' un grido di ammirazione . Il magistrato
  • alzo' un braccio e disse : le tue arti magiche sono le stesse che hanno
  • fatto grande la nostra citta' : la tenacia , la perseveranza , il lavoro.
  • Noi magistrati di Roma ci uniamo alle lodi che ha tributato il popolo.

     

 

         

Condividi post
Repost0
10 giugno 2011 5 10 /06 /giugno /2011 13:43

 

      Il fiume della vita

 

 

 

Non guardare gli uomini piccoli che ti girano attorno, ma guarda l'uomo

 

grande che è in te. Vivi apprezzandoti e fai silenzio. Vedrai che ritroverai

 

la calma e la serenità. In mezzo al rumore non si avvertono nè i respiri nè

 

i sospiri delle persone che ti vogliono bene. Fai in modo di non sentire la

 

cattiveria degli uomini, ma di apprezzare  la loro bontà. 

 

( Romano Battaglia )

 

      

     

Condividi post
Repost0
5 giugno 2011 7 05 /06 /giugno /2011 17:09

 

       

 

Metti il diavolo a ballare

 

 

Una sera di tanti anni fa, i coscritti organizzarono una festa da ballo nella

sala grande del municipio del paese. Tra i giovani c'era una ragazza che si

dava un po' di arie. Si sentiva bella e desiderata e non si voleva impegnare

con i giovani contadini del luogo.Uno di questi ne era innamorato e chiese

di poter ballare con lei.

La ragazza rispose "Piuttosto che ballare con te ballo col diavolo".

Il pretendente,  ferito nell'orgoglio, si mise in disparte, triste e sconsolato.

Tutto ad un tratto si sentirono dei colpi alla porta. 

La porta venne aperta. Apparve un uomo di bell'aspetto, con gli occhi

magnetici e un sorriso che lo rendeva simpatico. Fu invitato ad entrare. 

Il forestiero invitò la ragazza a ballare e subito diventarono l'attrazzione

della serata. Una zia della ragazza che aveva accompagnato la nipote e se

ne sentiva responsabile, rimase turbata. 

Osservando  il  forestiero  si  accorse che al  posto dei piedi aveva delle

strane protuberanze  che ricordavano gli zoccoli di un animale, benchè

fossero fasciate da una calzatura che rendeva più facili ed armoniosi i  

passi di danza. La donna si insospettì e corse fino alla canonica del paese.

Svegliò il  parroco  e  gli  raccontò  l'accaduto. Il reverendo era un uomo

coraggioso  e non  si fece  pregare. Indossò un vestito borghese e si munì

di  aspersorio  e  di  stola.  Entrato  nella sala  si  mise  in  un  angolo  ad

osservare le danze e  si  rese  conto  che il ballerino forestiero era troppo

abile per essere una persona normale. Spostandosi alle sue spalle riuscì a

fermarlo e gli buttò addosso dell'acqua benedetta. 

Il bel giovane si trasformò in una creatura infernale, con le corna e la

coda. Corse vicino alla finestra della sala, la spalancò e sparì nel buio

della notte. 

La ragazza che aveva ballato tutta la sera col diavolo non fu fortunata.

Nessuno la volle sposare e fu costretta ad andare a vivere in città, da dove

non arrivarono più sue notizie.

 

 

                

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0
28 maggio 2011 6 28 /05 /maggio /2011 22:12

 

 

PRIGIONIERO DI GUANTANAMO

 

 

 

 

A furia di rimpiangerti, madre mia,

il mio cuore si è consumato.

Giuro sull'intero creato che non sò come parlarti.

La notte, nei miei sogni sonnambuli

sento il tuo amore

che mi chiama "Dov'è Imad? "

 

Questi versi di lontananza e di dolore

sono scritti da Imad  Abdullah Hassan,

prigioniero di Guantanamo.

 

 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0
28 maggio 2011 6 28 /05 /maggio /2011 07:33

 

 

LA JINETERA

 

Quando cala la notte sul Malecon

Eva si sta preparando per l'azione,

per pochi dollari vende la sua anima.

 

La minigonna mostra  anche l'infinito

mentre cammina lungo il circuito

dove i verdoni comprano quel che vuoi;

fate  largo  a  Eva  la  jinetera.

 

Ha solo diciassette primavere

e pià avventure di Tarzan,

ma dietro la risata della jinetera

Eva sta piangendo per il suo Adamo.

Ha una stanzetta piccola a Lujano

dove stanotte porterà quello che guadagnò,

cosi' fa mangiare la figlioletta di sette mesi

perchè la realtà non è quel che sembra .

 

Il suo fidanzato era uno studente che militava

nel partito che spezza chi non lo incensa,

dopo aver visto le bugie si è convinto

e ... in quattro tavole e un remo è scappato a Miami .

 

Ha solo diciassette primavere

e più  avventure di Batman

ma dietro la risata della Jinetera

Eva sta piangendo per il suo Adamo.

 

E quando il sole si riaffaccia sul Malecon

torna la stessa routine e la situazione

di vivere in una Terra dove il futuro

se n' è andato a nuoto dopo aver saltato il muro .

 

Non voglio che la mia canzone ti porti tristezza

e prendi quello che dico come promessa

che presto presto nella mia Terra starò cantando

perchè io so' che l'Havana mi sta aspettando .

 

   ( Poeta Cubano )

 

 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0
18 maggio 2011 3 18 /05 /maggio /2011 20:47

LA PIU' BELLA POESIA DEL MONDO

 

Ho cancellato per sbaglio
una poesia bellissima
che avevo trovato nel computer.
L'ho letta, riletta, triletta
e ho detto - questa è la poesia più bella del mondo
la più bella poesia dell'universo 
la più bella poesia della storia
passata e futura -
Ho pensato - nessuno mai  potrà leggerne
una più bella 
mai...
mai più.   
Ero emozionata di tanta bellezza!
Mi alzai, andai in cucina ,
bevvi un sorso d'acqua 
tornai ...
la rilessi ad alta voce
dissi - Ora è mia  -
Per l'emozione
schiacciai il pulsante
dello spegnimento del computer
quello in alto con la crocetta
così...clik. 
Ho avuto la confusione ...
sono stata cinque minuti a guardare
lo schermo nero...
ho riacceso il computer
e non l'ho più trovata...
La mia bella poesia
la poesia più bella del mondo
la più bella poesia dell'universo
era sparita.
Ho spento il computer
e ho steso il bucato ...
 

 

 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0
15 maggio 2011 7 15 /05 /maggio /2011 20:34

 

      Evita               

 

Risultati immagini per evita peron

 

Buenos Aires, 1952, l'Argentina è immersa nel lutto.

Evita Peron, la moglie del dittatore, la madonna dei descamisados, il simbolo dei

desideri,  delle  angosce, delle  passioni  di  un  intero  popolo  è morta  all'età  di

di trentatrè  anni. Per  tredici  giorni  la  salma  imbalsamata   viene  esposta  alla

venerazione di una fila di visitatori che raggiunge i tre chilometri.

L'eco  di  quella  morte  valica  i  confini  del  Paese e ancora oggi non si è ancora

spento.

Figlia illegittima di un proprietario terriero  e  di una popolana. Eva Maria Duarte

nasce nel 1919 in uno sperduto paesino argentino. Appena  adolescente, sognando

un destino di gloria, parte  per Buenos Aires nella speranza d'imporsi come attrice.

Dovrà  lottare  per anni  prima  di riuscire  a  diventare  la  più famosa  vedette dei

popolarissimi radiodrammi argentini.

 

 

 

E' a questo punto  che  incontra  il colonnello  Juan  Domingo Peron e decide di

consacrare la sua vita all'ascesa politica del  futuro dittatore: al sogno delle "luci

della ribalta" si sostituisce  l'ambizione di passare alla  Storia come incarnazione

della  Provvidenza  per  i milioni  di  diseredati  a  cui si dedica con amore e che

saranno inconsolabili dopo la sua morte.

 

 

 

Fino a oggi la figura di Eva Peron oscillava tra il mito e la leggenda, tra la santità

e il dispotismo.

 

Su Evita è stato detto tutto. O, forse, resta ancora tutto da dire.

 

  

Maria Eva Duarte de Peron, nata Eva Maria Ibarguren, è stata un'attrice, politica,sindacalista e filantropa argentina, seconda moglie del Presidente Juan Domingo Peron e First Lady dell'Argentina.

7 maggio 1919, Los Toldos, Argentina

26 luglio 1952, Buenos Aires, Argentina

Condividi post
Repost0

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti