Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
22 maggio 2017 1 22 /05 /maggio /2017 18:38
Rodari da (La storia di un fucile vero che fa "Pum" per finta)

Rodari - (la storia del fucile vero che fa "Pum" per finta)

 

Il cacciatore sfortunato

- Prendi il fucile, Giuseppe, prendi il fucile e vai a caccia, - disse una mattina al suo figliolo quella donna. - Domani tua sorella si sposa e vuol mangiare polenta e lepre.

Giuseppe prese il fucile e andò a caccia. Vide subito una lepre che balzava da una siepe e correva in un campo. Puntò il fucile, prese la mira e premette il grilletto. Ma il fucile disse Pum!, proprio con voce umana, e invece di sparar fuori la pallottola la fece cadere per terra. Giuseppe la raccattò e la guardava meravigliato. Poi osservò attentamente il fucile, e pareva proprio lo stesso di sempre, ma intanto invece di sparare aveva detto: Pum! con una vocetta allegra e fresca. Giuseppe scrutò anche dentro la canna, ma com'era possibile, andiamo, che ci fosse nascosto qualcuno? Difatti dentro la canna non c'era niente e nessuno.

- E' la mamma che vuole la lepre. E' mia sorella che vuol mangiarla con la polenta...

In quel momento la lepre di prima ripassò davanti a Giuseppe ma stavolta aveva un velo bianco in testa e dei fiori d'arancio sul velo, e teneva gli occhi bassi, e camminava a passettini passettini.

-Toh, - disse Giuseppe, - anche la lepre va a sposarsi. Pazienza tirerò a un fagiano.

Un po' più in là nel bosco difatti, vide un fagiano che passeggiava sul sentiero, per nulla spaventato, come il primo giorno della caccia, quando i fagiani non sanno ancora che cosa sia un fucile.

Giuseppe prese la mira, tirò il grilletto, e il fucile fece: Pam!, disse: Pam! Pam!, due volte come avrebbe fatto un bambino col suo fucile di legno. La cartuccia cadde in terra e spaventò certe formiche rosse che corsero a rifugiarsi sotto un pino.

Ma benone, - disse Giuseppe che cominciava ad arrabbiarsi, - la mamma sarà contenta davvero se torno con il carniere vuoto. Il fagiano, che a sentire quel pam, pam, si era tuffato nel folto, ricomparve sul sentiero, e stavolta lo seguivano i suoi piccoli, in fila, con una gran voglia di ridere addosso, e dietro a tutti camminava la madre, fiera e contenta come le avessero dato il primo premio.

- Ah, tu sei contenta, tu, - brontolò Giuseppe. - Tu sei già sposata da un pezzo. E adesso a che cosa tiro?

Ricaricò il fucile con gran cura e si guardò intorno. C'era soltanto un merlo su un ramo, e fischiava come per dire: Sparami, sparami. 

E Giuseppe sparò. Ma il fucile disse: Bang! come i bambini quando leggono i fumetti. E aggiunse un rumorino che pareva una risatina. Il merlo fischiò più allegramente di prima, come per dire: Hai sparato, hai sentito, hai la barba lunga un dito.

- Me l'aspettavo. - disse Giuseppe. - Ma si vede che oggi c'è lo sciopero dei fucili.

- Hai fatto una buona caccia, Giuseppe? - gli domandò la mamma al ritorno. - Sì, mamma. Ho preso tre arrabbiature belle grosse. chissà come saranno buone, con la polenta.______ Gianni Rodari 

 

 

Repost 0
21 maggio 2017 7 21 /05 /maggio /2017 13:38

 

La Patagonia! E' un amante difficile. Lancia il suo incantesimo. Un'ammaliatrice! Ti stringe nelle sue braccia e non ti lascia più.______Bruce Chatwin, In Patagonia.

 

 

 

Dissi forse la Patagonia, e immaginavo
una penisola, grande abbastanza
per un paio di sedie a sdraio
su cui dondolare nell'alta marea. Pensavo

a noi in un freddo mozzafiato, davanti
a un orizzonte tondo come una moneta, avvolti
nell'intreccio del ripiglino che i gabbiani giocano
dal mare fino al sole. Pensavo di aspettare

finché le onde non si fossero addormentate
dalla noia, finché gli ultimi cirripedi ancora aggrappati,
preoccupati dal silenzio, non si fossero
allontanati ai remi di piccole piroghe, finché

quegli uccelli inquieti, le tue mani d'attore,
non ti fossero caduti esausti in grembo,
finché, finalmente, non ti fossi rivolto a me.
Quando dissi Patagonia, volevo dire

cieli vuoti di un blu che fa male. Volevo dire
anni. Li volevo tutti con te. ______
Kate Clanchy

 

 

Repost 0
21 maggio 2017 7 21 /05 /maggio /2017 07:47

In un momento 

Dino campana 

 

In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose

P. S. E così dimenticammo le rose.


(per Sibilla Aleramo)

 

Risultati immagini per sibilla aleramo

 

 

 

Video: Campana - In un momento sono sfiorite le rose - 

dal film "Un viaggio chiamato amore"

 

Risultati immagini per dino campana

(Scena tratta dal film "Un Viaggio Chiamato Amore", 2002, di Michele Placido)

Repost 0
Published by Etta - in Poesia, video
scrivi un commento
20 maggio 2017 6 20 /05 /maggio /2017 11:46

“Cosa cerchi?”
“Cerco un attimo che valga una vita”.
(Casanova)

La preghiera dell'alba - José Emilio Pachero

La preghiera dell'alba

 

 

Fa miracoli questo albeggiare.

Scrive la sua pagina di luce

sul quaderno scuro della notte.

Annulla la nostra disperazione,

assolve la nostra follia,

accerta che il mondo

non si è dissolto nelle tenebre

come abbiamo temuto

da quella sera in cui,

da una caverna della preistoria,

osservammo per la prima volta il crepuscolo.

Ieri non resuscita.

Quello che è dietro non conta.

Quel che già vivemmo non è più

L'alba ci consegna la prima ora

la prima ora di un'altra vita.

La sola nostra verità

è il giorno che comincia.______ José Emilio Pacheco

 

 

 

 

Repost 0
19 maggio 2017 5 19 /05 /maggio /2017 12:41
Una vera poesia deve odorare solo di tè - Olav H. Hauge

Una buona poesia deve odorare di tè

 

Ho tre poesie,
disse.
Pensa, contare le poesie.
Emily le gettava
in un baule, io
non credo proprio che le contasse,
apriva solo un pacchetto di tè
e ne scriveva una nuova.
Era giusto. Una buona poesia
deve odorare di tè.
O di terra umida e legna appena tagliata._____
Olav H. Hauge

 

 

Repost 0
Published by Etta - in Poesia
scrivi un commento
17 maggio 2017 3 17 /05 /maggio /2017 20:32

 

Non mi vestite di nero

 

è triste e funebre.

Non mi vestite di bianco:

è superbo e retorico.

Vestitemi

a fiori gialli e rossi

e con ali d'uccello-

E tu, Signore, guarda le mie mani.

Forse c'è una corona.

Forse

ci hanno messo una croce.

Hanno sbagliato.

In mano ho foglie verdi

e sulla croce,

la tua resurrezione.

E, sulla tomba,

non mi mettete marmo freddo

con sopra le solite bugie

che consolano i vivi.

Lasciate solo la terra

che scriva, a primavera,

un'epigrafe d'erba.

E dirà

che ho vissuto,

che attendo.

E scriverà il mio nome e il tuo,

uniti come  due bocche di papaveri.

 

Adriana Zarri

 

 

 

Repost 0
Published by Etta - in Poesia
scrivi un commento
17 maggio 2017 3 17 /05 /maggio /2017 06:16

 

 

Sarai amata il giorno in cui potrai mostrare la tua debolezza senza che nessuno se ne serva per affermare la sua forza e per ferirti.
Cesare Pavese
 
 

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/amore/frase-258990?f=a:156>

 

ANCHE LA NOTTE TI SOMIGLIA

Anche la notte ti somiglia,
la notte remota che piange
muta, dentro il cuore profondo,
e le stelle passano stanche.
Una guancia tocca una guancia
è un brivido freddo, qualcuno
si dibatte e t'implora, solo,
sperduto in te, nella tua febbre.

La notte soffre e anela l'alba,
povero cuore che sussulti.
O viso chiuso, buia angoscia,
febbre che rattristi le stelle,
c'è chi come te attende l'alba
scrutando il tuo viso in silenzio.
Sei distesa sotto la notte
come un chiuso orizzonte morto.
Povero cuore che sussulti,
un giorno lontano eri l'alba.______
Cesare Pavese

 

 

Repost 0
Published by Etta - in Poesia
scrivi un commento
14 maggio 2017 7 14 /05 /maggio /2017 19:00
La verità è che dell'anima non si può scrivere direttamente. Se la guardi svanisce. - Virginia Woolf

La verità è che dell'anima non si può scrivere direttamente. Se la guardi svanisce

 

Credo che stabilirò una nuova regola per questo diario - ogni giorno comincerò una pagina nuova - come faccio abitualmente per la letteratura seria. Ho certamente abbastanza posto nel quaderno di quest'anno per poter sprecare un po' di carta. Quanto all'anima, perchè ho detto che l'avrei messa da parte? Non ricordo. E la verità è che dell'anima non si può scrivere direttamente. Se la guardi svanisce: ma se guardi al soffitto, o Grizzle o gli animali meno nobili dello zoo esposti ai passanti a Regent Park, ecco che l'anima compare. E' comparsa questo pomeriggio. Questo lo scriverò, mi son detta contemplando il bisonte, rispondendo distrattamente a L.; ma cosa volevo scrivere? _____Virginia Woolf

 

 

Repost 0
12 maggio 2017 5 12 /05 /maggio /2017 11:50

 

Si sedette per terra e aprì un piccolo libro dalla copertina blu.
In quella fine del giorno, solo proprio i libri potevano dire
qualcosa più del silenzio – quell’altra voce.______
Maria do Rosario Pedreira

 

 

Il silenzio nella poesia e nei dipinti d'autore

Molti zero

 

Senza voce l'insegnante si alza davanti a una classe

di pallidi bambini dalle labbra serrate.

La lavagna alle sue spalle tanto nera quanto il cielo

che dista anni luce dalla terra.

E' il silenzio che l'insegnante ama,

il gusto dell'infinito che trattiene.

Le stelle come le impronte di denti sulle matite 

dei bambini.

Ascoltatelo, dice felice.______ Charles Simic

 

 

Il silenzio nella poesia e nei dipinti d'autore

Notturno

 

Curva tu suoni
ed il tuo canto è un albero d’argento
nel silenzio oscuro.
Limpido nasce dal tuo labbro – il profilo
delle vette – nel buio – .
Muoiono le tue note
come gocce assorbite dalla terra.
Le nebbie sopra gli abissi
percorse dal vento
sollevano il suono spento
nel cielo.______
Antonia Pozzi

 

 

Il silenzio nella poesia e nei dipinti d'autore

Meriggio d'estate

 

Silenzio! hanno chiuso le verdi

persiane delle case.

Non vogliono essere invase.

Troppe fiamme

della tua gloria, o sile!

Bisbigliano appena

gli uccelli, poi tacciono, vinti

dal sonno. sembrano estinti

gli uomini, tanto è ora pace

e silenzio...Quand'ecco da tutti

gli alberi un suono s'accorda,

un sibilo lungo che assorda,

che solo è così: le cicale._____ Umberto Saba

 

 

Il silenzio nella poesia e nei dipinti d'autore

Il silenzio

Ascolta...il silenzio.
E' un silenzio ondulato,
un silenzio,
dove scivolano valli ed echi
e che inclina le fronti
al suolo.______
Federico Garcia Lorca

 

 

Il silenzio nella poesia e nei dipinti d'autore

Silenzio

 

Da quando ti ho persa, sono ossessionato dal silenzio:

i suoni le lor piccole ali agitano

un attimo, poi all'onda s'abbandonano

dalla stanchezza, che dondola senza rumore.

Sia per strada la gente

passeggi con monotono brusio

o sospiri il teatro e sospiri

con profondo sospiro roco,

o agiti il vento un groviglio di luce

sul fiume nero, profondo

o gli ultimi echi delle notte 

facciano rabbrividire l'aurora,

io avverto il silenzio che aspetta 

di poter bere tutto ancora

nella sua estrema totalità svuotando

il rumore degli uomini.______David H. Lawrence

 

 

C'è sempre un silenzio che ci imbroglia, perchè lì sentiamo tutte le parole che ci spaventano._____ Cesare Pavese

 

 

 

Dipinti  di John Al Hougue

 
22 ottobre 1959 
Kansas City - Kansas 
 
 
 

 

 

Repost 0
10 maggio 2017 3 10 /05 /maggio /2017 15:38
Lettere - Nina Cassian

Ti scrivo questa quarta lettera

in una stanza di legno, a un tavolo di legno,

legno dappertutto, incredibilmente tanto legno,

e dappertutto scritte, con l'inchiostro,

la matita chimica, la punta del coltello,

nome, date, usignoli, treni,

chiavi. (puoi aprire un

un treno con la chiave e calpestare l'usignolo

intirizzito sui binari e apporre la tua firma con

tanto di data). Ho paura.

oltre la cornice di legno della finestra

palpita la manica scura dell'abete

notturno; una notte

mi aspettavi, era estate, sul letto avevi messo i miei libri.

quando entrai, vidi me stessa,

forse non dovevo rimpiazzare

il mio corpo di libri, di carta, di legno,

il mio effimero, così la penso ora,

ora che non ti amo. _____ Nina Cassian

 

 

Repost 0
Published by Etta - in Poesia
scrivi un commento

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                                  
 

Risultati immagini per il mio cuore, poesia, cammina lentamente, lenta come l'erica dell

 
 
 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Testo Libero

Testo Libero