Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
19 ottobre 2020 1 19 /10 /ottobre /2020 12:00

 

PIU' VIVA CHE MAI
 
Una storia d'amore dura per sempre

 

Christian Bobin

 

 

 

Nato nel 1951 a Le Creusot, Christian Bobin

è un poeta segnato da una forte spiritualità. 

 

 

 

Vuoi sapere chi tu sei per me.

E allora ecco: tu sei colei che m'impedisce di bastarmi"

Tu mi hai dato la cosa più preziosa di tutte: la mancanza!

 

“Un giorno, è un giorno d'estate, facciamo il bagno nelle acque di Montaubry vicino a Le Creusot, nuotiamo uno a fianco dell'altra, e non posso fare a meno di parlarti anche nell'acqua, ho sempre mille cose da dirti, e mi viene in mente, nell'acqua, sotto il sole, questa definizione di te, sapendo che sfuggi ad ogni definizione, ti dico, vuoi sapere chi sei tu per me, e allora ecco: tu sei colei che mi impedisce di bastarmi. Ho una grande capacità di solitudine. Posso restare solo per giorni, per settimane, per mesi interi. Sonnolento, tranquillo. Sazio di me stesso come un neonato. È questa sonnolenza che sei venuta a interrompere. È questa capacità che hai rovesciato. Come potrei mai ringraziarti? Possiamo dare molte cose a coloro che amiamo. Parole, riposo, piacere. Tu mi hai dato la cosa più preziosa di tutte: la mancanza. Mi era impossibile fare a meno di te, anche quando ti vedevo mi mancavi ancora. La mia casa interiore, la casa del mio cuore era chiusa a doppia mandata. Tu hai infranto i vetri e l'aria vi ha fatto irruzione, quella gelata, quella ardente, e ogni forma di luminosità. Tu eri quella lì, Ghislaine, lo sei ancora oggi, quella attraverso la quale la mancanza, la frattura, la lacerazione entrano in me con mia somma gioia. È il tesoro che mi lasci: mancanza, frattura, lacerazione e gioia. Un tesoro così è inesauribile. Dovrebbe bastarmi per andare di «adesso» in «adesso» fino all'ora della mia morte".

 

 

In queste parole c'è forse la sostanza più intima dell'amore: non per nulla sono dette a Ghislaine, la donna amata. L'autenticità dell'amore, il suo grande dono umano e spirituale è proprio questo: farti comprendere che hai bisogno dell'altro, che tu non basti a te stesso, che l'autosufficienza e l'orgoglio sono illusioni e che l'egoismo è povertà. Sentire la mancanza è scoprire non un vuoto ma un'apertura e una potenzialità altissima, quella di accogliere l'altro dentro se stessi e solo così sentirsi colmi, felici, realizzati. Questa stessa considerazione vale per ogni vero amore, compreso quello mistico, che è scoperta della mancanza di un Altro che sia per te sorgente di pienezza. Pericoloso, allora, è il momento in cui non si sente bisogno di nessuno, convinti di bastare a se stessi. Quella è la condizione della morte dello spirito. Per chi ama, invece, l'esistenza diventa come Bobin "vita".

 

 
 
È il 1992, Ghislaine, amica dello scrittore francese, Bobin, riceve da lui un omaggio decisamente speciale. “Più viva che mai“ un libro estremamente intenso, è un potentissimo manifesto d'amore dello scrittore per l'amica strappata al suo affetto. Forse un po’ di più: è l’ennesima dichiarazione d’amore da un uomo ad una donna assente. Solo pochi anni più tardi, esattamente il 12 agosto 1995, Ghislaine muore per via di un aneurisma al cervello. Ha 44 anni e tre figli.
“L’autunno e l’inverno successivi alla tua morte li ho spesi a dissodare per te questo piccolo giardino d’inchiostro. Per entrarvi due porte – un canto e una storia. La offro ai tuoi figli, i tuoi uccelli del paradiso, le tue tre vite eterne: Gäel, Hélène, Clémence. Li invito a calpestare la terra di questo libro, per impadronirsi d’una luce che non è di nessuno e di cui fosti la serva esemplare“.
 
 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti