Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
18 ottobre 2016 2 18 /10 /ottobre /2016 20:25

.

.

Capita che
sfiori la vita di qualcuno
ti innamori
e decidi che la cosa più importante
è toccarlo, viverlo..
convivere le malinconie e le inquietudini
arrivare a riconoscersi
nello sguardo dell’altro
sentire che non ne puoi più fare a meno…
e cosa importa se per avere tutto questo
devi aspettare cinquantatré anni sette mesi
e undici giorni notti comprese?

 

Gabriel Garcìa Marquez

 

 

.

Il Paradiso non è più lontano
della camera accanto -
se in quella camera un amico attende
felicità o rovina.
che forza c'è nell'anima
che riesce a sopportare
l'accento di un passo che si appressa -
una porta che si apre.


Emily Dickinson

 

 

.

Era ancora troppo giovane
per sapere che la memoria del cuore
elimina i brutti ricordi
e magnifica quelli belli
e che grazie a tale artificio
riusciamo a tollerare il passato.

 

Gabriel Garcìa Marquez

 

 

.

Mi rendevo conto che l'amore
non obbedisce alle nostre aspettative,
è mistero
puro e semplice…



tratto da I ponti di Madison County

.
O conchiglia marina, figlia
della pietra e del mare biancheggiante,
tu meravigli la mente dei fanciulli.

 

Salvatore Quasimodo

 

 

.

"Non le dicevo niente, la guardavo....

E mi innamoravo."

 

da Il Postino

 

 

.

"Sarai stanco amore, perché è tutto il giorno che cammini nella

mia testa."

 

William Shakespeare

 

 

.

Io non sono un poeta.
Sono un passante della strada,
godo dell’anonimato.
Nessuno sa di me,
quello che sono,
quello che faccio:
passo…



Giovenale Nino Sassi

 

 

.

L'amore non dà nulla fuorché sé stesso
e non coglie nulla se non da sé stesso.
L'amore non possiede
né vorrebbe essere posseduto
poiché l'amore basta a all'amore.

 

Gabriel Garcìa Marquez

 

 

Condividi post
Repost0
20 giugno 2016 1 20 /06 /giugno /2016 22:24

 

SEI MOLTO DIVERSA  DAGLI ALTRI

 

Maram al- Masri

 

Sei molto diverso dagli altri.
Il tuo segno distintivo:
il mio bacio
sulla tua bocca.

 

 

 

SEI COME LA MIA CASA, SEI COME LA MIA MORTE, AMORE MIO

 

 

Jaime Sabines

 

 

Mi tieni nelle tue mani
e mi leggi allo stesso modo di un libro.
Sai ciò che io ignoro
e mi dici le cose che non mi dico.
Mi conosco in te più che in me stesso.
Sei come un miracolo che accade a ogni ora,
come un dolore senza luogo.
Se tu non fossi donna, saresti amico mio.
A volte voglio parlarti di donne
che al tuo lato inseguo.
Sei come il perdono
e io sono come tuo figlio.
Che occhi buoni hai quando sei con me!
Come lontana diventi e come assente
quando ti sacrifico alla solitudine!
Dolce come il tuo nome, come un filo,
mi aspetti nel tuo amore finché giungo.
Sei come la mia casa,
sei come la mia morte, amore mio.


 

 

..MENTRE LE COSE SI METTONO AD ASCOLTARE CIO' DI CUI NON PARLIAMO

 

 

Jamie Sabines 

 

 

Il tuo corpo sta al mio fianco
facile, dolce, silente.
La tua testa nel mio petto si pente
con gli occhi chiusi
e io ti guardo e fumo
e accarezzo i tuoi capelli innamorati.
Questa mortale tenerezza con cui taccio
ti sta abbracciando mentre io tengo
immobili le braccia.
Guardo il mio corpo, la coscia
dove si riposa la tua stanchezza,
il tuo morbido seno occulto e stretto
e il basso e soffice respiro del tuo ventre
senza le mie labbra.
Ti dico a mezza voce
cose che invento in ogni istante
e divento davvero triste e solo
e ti bacio come se fossi il tuo stesso ritratto.
Tu, senza parlare, mi guardi
e ti stringi a me e ti metti a piangere
senza lacrime, senza occhi, senza spavento.
E io torno a fumare, mentre le cose
si mettono ad ascoltare ciò di cui non parliamo.

 


 

 

Blu è la notte. Se di stelle è priva. Tu l'illumini.

 

 

   

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti