Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
12 maggio 2017 5 12 /05 /maggio /2017 11:50

 

Si sedette per terra e aprì un piccolo libro dalla copertina blu.
In quella fine del giorno, solo proprio i libri potevano dire
qualcosa più del silenzio – quell’altra voce.

 

Maria do Rosario Pedreira

 

 

MOLTI ZERO

 

 

Charles Simic

 

 

Senza voce l'insegnante si alza davanti a una classe

di pallidi bambini dalle labbra serrate.

La lavagna alle sue spalle tanto nera quanto il cielo

che dista anni luce dalla terra.

E' il silenzio che l'insegnante ama,

il gusto dell'infinito che trattiene.

Le stelle come le impronte di denti sulle matite 

dei bambini.

Ascoltatelo, dice felice.

 

 

 

NOTTURNO

 

 

Antonia Pozzi

 

 

Curva tu suoni
ed il tuo canto è un albero d’argento
nel silenzio oscuro.
Limpido nasce dal tuo labbro – il profilo
delle vette – nel buio – .
Muoiono le tue note
come gocce assorbite dalla terra.
Le nebbie sopra gli abissi
percorse dal vento
sollevano il suono spento
nel cielo.

 

 

MERIGGIO D'ESTATE

 

 

Umberto Saba

 

 

Silenzio! hanno chiuso le verdi

persiane delle case.

Non vogliono essere invase.

Troppe fiamme

della tua gloria, o sile!

Bisbigliano appena

gli uccelli, poi tacciono, vinti

dal sonno. sembrano estinti

gli uomini, tanto è ora pace

e silenzio...Quand'ecco da tutti

gli alberi un suono s'accorda,

un sibilo lungo che assorda,

che solo è così: le cicale.

 

 

IL SILENZIO

 

 

Federico Garcia Lorca

 



Ascolta...il silenzio.
E' un silenzio ondulato,
un silenzio,
dove scivolano valli ed echi
e che inclina le fronti.

 

 

SILENZIO

 

 

David H. Lawrence

 

 

Da quando ti ho persa, sono ossessionato dal silenzio:

i suoni le lor piccole ali agitano

un attimo, poi all'onda s'abbandonano

dalla stanchezza, che dondola senza rumore.

Sia per strada la gente

passeggi con monotono brusio

o sospiri il teatro e sospiri

con profondo sospiro roco,

o agiti il vento un groviglio di luce

sul fiume nero, profondo

o gli ultimi echi delle notte 

facciano rabbrividire l'aurora,

io avverto il silenzio che aspetta 

di poter bere tutto ancora

nella sua estrema totalità svuotando

il rumore degli uomini.

 

 

C'è sempre un silenzio che ci imbroglia, perchè lì sentiamo tutte le parole che ci spaventano.

 

Cesare Pavese

 

 

Dipinti  di John Al Hougue
 
22 ottobre 1959
Kansas City - Kansas 
 
 
 
 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0
16 giugno 2016 4 16 /06 /giugno /2016 13:09

Chi non vuole far sapere qualcosa in fondo non deve confidarla neanche a se

stesso, non si deve mai lasciare tracce.


Giulio Andreotti in "Il Divo"

 

 

I giorni son sempre più brevi

le piogge cominceranno.

La mia porta, spalancata, ti ha atteso.

Perché hai tardato tanto?

Sul mio tavolo, dei peperoni verdi, del sale, del pane.

Il vino che avevo conservato nella brocca

l’ho bevuto a metà, da solo, aspettando.

Perché hai tardato tanto?

Ma ecco sui rami, maturi, profondi

dei frutti carichi di miele.

Stavano per cadere senz’essere colti

se tu avessi tardato ancora un poco.

 

                                     Nazim Hikmet 

 

 

 

.

Lacrime di venerazione

tingono le foglie

rosse che cadono.

 

Bashō Matsuo

 

 

 

 

 

Francesco Gioli - Le boscaiole di San Rossore, 1887 Olio su tela

.

Francesco Gioli - Boscaiole di San Rossore (Fascinale)

.

Francesco Gioli - Le boscaiole di San Rossore, 1887

 

Francesco Gioli, (San Frediano a Settimo, 1846 - Firenze 1922) è stato un pittore

italiano della corrente artistica  dei Macchioli. Nella sua ricca  produzione  un fi-

lone interessante è rappresentato dagli studi dal vero, scene dai  soggetti  agresti,

soprattutto paesaggi ed animali, legati al contesto maremmano.

Oltre a rappresentare la pittura macchiaola, Grancesco Gioli è anche un esponente

italiano dell'impressionismo. 

 

 

 

Con quanti battiti del cuore

riuscirò oggi a guardarti,

se ogni volta me li rubi.

 

 

 

Leggi i commenti

Condividi post
Repost0

Presentazione

Profilo

  • mondodiverso
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                    

 

 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Articoli Recenti