Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
25 gennaio 2017 3 25 /01 /gennaio /2017 14:20

“Autoritratto con Cristo giallo”, 1890-1891

Nell'autoritratto "Il Cristo giallo" Gauguin rappresenta la propria personalità, sospesa tra misticismo e sensualità. Gesù, simbolo della sofferenza e della spiritualità, ha le stesse sembianze fisiche dell'artista come lo stesso Vaso in forma di testa grottesca che lui stesso descrive la "testa di Gauguin il selvaggio". 

 

 

 

"Qui  c'è tutto per essere felici: il mare, alberi da cocco, alberi da frutta di ogni specie, una natura ricchissima, un clima caldo...".

 

Immagine correlata

 

"La pittura è la più bella delle arti. In essa si riassumono tutte le sensazioni di fronte a essa ciascuno può, seguendo la propria immaginazione, creare un romanzo, e con un solo sguardo sentirsi l'animo invaso dai ricordi più profondi"
( Paul Gauguin)

 

 

Le isole incontaminate di Tahiti

 

 

Paul Gauguin, le isole incontaminate di TahitiPaul Gauguin, le isole incontaminate di Tahiti
Paul Gauguin, le isole incontaminate di Tahiti
Paul Gauguin, le isole incontaminate di TahitiPaul Gauguin, le isole incontaminate di Tahiti
Paul Gauguin, le isole incontaminate di TahitiPaul Gauguin, le isole incontaminate di Tahiti

Il nome del pittore francese Paul Gauguin è legato al mito dell'artista ribelle e vagabondo e alle sue fughe in Polinesia. Nell'arte del Novecento è anche il simbolo di un nuovo modo di dipingere: rapido, sintetico, libero da schemi e regole. Non imita la natura, ma cerca di cogliere le emozioni che essa suscita nell'artista.

 

Risultati immagini per dipinto di gauguin della ragazza tahitiana

Era alta di statura e il fuoco del sole brillava sull'oro della sua carne, mentre tutti i misteri dell'amore dormivano nella notte dei suoi capelli. 

 

Sinfonia di colori per un nudo inquieto

"Per me è semplicemente un nudo oceanico", scrive Gauguin. C'è una ragazza bocconi sul letto, sopra un lenzuolo di foglie di palma e un pareo blu, pronta a fare l'amore. Ma sul suo volto si legge la paura. Di cosa? Una polinesiana non si vergogna, come la biblica Susanna, di essere vista nuda"

 

Gauguin non dipinge mai dal vero, ma racconta di essere stato ispirato in questo caso da un episodio reale. Una sera, tornando nella sua casa di Mataiea, 45 chilometri a sud di Papeete, lo colpisce la visione di Teha'amana nuda sul letto, nell'oscurità.E' la tahitiana di 14 anni, silenziosa, malinconica e beffarda, con cui vive. La sua vahiné. Ma si proibisce di dipingerla come gli appare, quel nudo sarebbe stato indecente.

 

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Etta - in Arte
scrivi un commento

commenti

Presentazione

Profilo

  • Etta
  •  
 
--- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, 
e la poesia è una pittura che si sente e non si vede.
(Leonardo da Vinci)
  • --- La pittura è una poesia che si vede e non si sente, e la poesia è una pittura che si sente e non si vede. (Leonardo da Vinci)

                                                                                  
 

Risultati immagini per il mio cuore, poesia, cammina lentamente, lenta come l'erica dell

 
 
 Sul mio cuore, poesia, cammina lentamente,
lenta come l’erica delle paludi,
come un uccello plana sul ghiaccio notturno.
Se frangi la crosta di questa mia pena
Potresti annegare, poesia.


Olav H. Hauge  
 
 
 
                                           5Gd_q2Uv210---Copia.jpg                                 
   
    
 Questa strada ha un cuore.
Per me c'è solo un viaggio
su strade che hanno un cuore.
Là io voglio andare
è l' unica sfida che valga la pena.
     
   

 

Testo Libero

Testo Libero